Notizie flash
IL 27 LUGLIO MANIFESTAZIONE POPOLARE ORE 19 IN VIA CARDUCCI

STRUMENTALIZZANO LA TRAGICA MORTE DI TOMINAGA PER NON FARE NULLA DI CONCRETO

Sono trascorsi molti giorni dalla tragica morte di Shimpei Tominaga a causa di un pugno ricevuto alle 3 del mattino in un locale di Kebab nel centro di Udine. Tominaga non aveva nessuna colpa se non la sfortuna di trovarsi nel momento sbagliato nel posto sbagliato: un dramma enorme per suo figlio e i suoi famigliari. Le forze dell'ordine hanno arrestato i responsabili che attualmente si trovano in galera. Resta da capire cosa ci facesse tutta quella gentaglia in Friuli in piena notte: molto probabilmente un regolamento di conti per traffico di droga. Il centro destra ha più volte attribuito la responsabilità morale della morte di Tominaga al sindaco Alberto Felice De Toni e alla sua maggioranza rea di aver sottovalutato il problema sicurezza. Pochi giorni dopo il sindaco De Toni, assieme al vice sindaco Venanzi, ha incontrato privatamente la vedova e il figlio di Shimpei per porgere le condoglianze. Giovedì 4 luglio, su decisione dell'amministrazione di Udine, spinta dal vicesindaco Alessandro Venanzi, è stata allestita in sala Ajace una stanza del commiato per l'ultimo saluto della città di Udine all'imprenditore morto a seguito dell'aggressione: era presente il sindaco De Toni con il gonfalone, il fratello di Tominaga, la giunta, il Ministro Luca Ciriani, l'assessore regionale Barbara Zilli, il prefetto, il questore e molti consiglieri comunali della maggioranza e dell'opposizione. Un luogo istituzionale altamente simbolico visto che proprio in Sala Ajace si era svolto l'ultimo saluto anche nei confronti dell'ex sindaco di Udine Angelo Candolini. Contemporaneamente Sindaco e Prefetto hanno emanato congiuntamente un'ordinanza proibitiva restrittiva di un mese, per la vendita e la somministrazione di alcol in tutta la città, tranne che nel chiosco del campetto di piazza XX Settembre dell'Apu e in occasione della Cena in Bianco in piazza Primo Maggio. Domani, lunedì 8 luglio si terrà un consiglio comunale straordinario per discutere delle conseguenze di questa tragedia. Oltre ai veri amici di Tominaga, sono saliti sul carro del lutto anche moltissimi politici e amministratori che neppure conoscevano di nome Tominaga fino a strumentalizzarne la sua morte con video, promo musicati, pagine di giornale, chat e loghi creati ad hoc su Facebook (vedi foto). Strumentalizzare la morte di un povero uomo deceduto per un pugno ricevuto da un italiano al punto da arrivare a fare un "corteo nel ricordo di Shampei" (vedi foto) è un gesto inopportuno; ancor più scorretto è annunciare il passaggio del corteo guidato dai soliti noti, sotto il Municipio, per incontrare quel sindaco a cui l'opposizione aveva attribuito pochi giorni prima la responsabilità morale. Ciò che fa venire la pelle d'oca è che, come sempre accade, la stessa classe politica, a cui si attribuiscono le responsabilità di tragedie annunciate, partecipi ai commiati e ai cortei per chiudere giustizia. Per questo noi pregheremo cristianamente per la sua anima ma non parteciperemo allo show del corteo, oltre a continuare a chiedere la chiusura dei centri di accoglienza per minori profughi (una sera questione legata alla sicurezza ma non al brutale omicidio di Tominaga).

Video