Notizie flash
LUNEDI' 3 GIUGNO ORE 21 A UDINE CENA E VIDEO COLLEGAMENTO SKYPE CON ROBERTO VANNACCI

ARRESTATO IL GOVERNATORE DELLA LIGURIA GIOVANNI TOTI

La Guardia di Finanza ha arrestato Giovanni Toti per corruzione. Toti, agli arresti domiciliari, è accusato dalla Procura di Genova di corruzione ambientale, corruzione per atti contrari a doveri d’ufficio e promesse elettorali. Nell’operazione, un vero e proprio terremoto giudiziario che si abbatte sulla maggioranza di centrodestra che guida la Liguria dal 2015, sono destinatari di misure cautelari altri due big: l’ex presidente dell’Autorità Portuale Paolo Emilio Signorini, oggi amministratore delegato e direttore generale della multiutility Iren, e l’imprenditore portuale Aldo Spinelli, ex presidente dei club calcistici Genoa e Livorno. Signorini è stato sottoposto alla custodia in carcere, Spinelli agli arresti domiciliari. Ai due, insieme a Roberto Spinelli – figlio di Aldo, sottoposto alla misura interdittiva del divieto di esercitare l’attività imprendenditoriale – sono state sequestrate disponibilità finanziarie e beni per un valore complessivo di circa 570mila euro. Aldo e Roberto Spinelli sono accusati di aver finanziato con 74.100 euro il comitato elettorale di Toti in cambio del rinnovo di concessioni portuali e altri favori, fra cui un intervento nella vicenda della riqualificazione delle ex Colonie Bergamasche di Celle Ligure, complesso destinato a diventare un resort di lusso. Signorini sarebbe stato corrotto con soggiorni di lusso ed escort a Montecarlo, pagate da Spinelli. Un’ulteriore parte delle accuse di corruzione riguarda finanziamenti e favori scambiati con Esselunga, altro grande sostenitore del centrodestra ligure, che proprio con l’avvento delle giunte guidate da Toti ha aperto i suoi primi punti vendita in Liguria, mettendo fine allo storico dominio delle Coop. Un secondo filone di indagine allunga sulla Liguria lo spettro del voto mafioso. C’è infatti un’ulteriore parte di questa inchiesta che si concentra su pacchetti di voti che spiegherebbero il boom elettorale del partito fondato da Toti, Cambiamo!, che alle regionali del 2020 aveva ottenuto lo straordinario risultato del 22% (surclassando partiti della sua stessa maggioranza ben più radicati a livello nazione, come la Lega, 17%, Fratelli d’Italia, 10%, Forza Italia, 5,7%). Dietro quell’exploit ci sarebbero secondo gli inquirenti pacchetti di voti garantiti da personaggi vicini a clan mafiosi nisseni originari di Riesi, confluiti nel boom di preferenze registrate da vari candidati totiani. In questo filone il braccio destro di Toti, il suo capo di gabinetto Matteo Cozzani, è indagato per promesse elettorali aggravate dal metodo mafioso, mentre Toti è indagato per il solo reato di promesse elettorali. Cozzani, ex sindaco di Porto Venere, è stato arrestato questa mattina per corruzione nell’ambito di un terzo filone di indagine, coordinato dalla Procura di La Spezia: avrebbe favorito alcuni imprenditori locali, legati alle concessioni balneari e agli appalti all’isola Palmaria, in cambio di favori al fratello Filippo, imprenditore. Quest’ultimo, grazie a un aumento dei finanziamenti al Salone Nautico erogato dalla Regione Liguria, ha beneficiato anche dell’appalto della distribuzione dell’acqua. Dalle indagini emergono anche innumerevoli ospitate gratuite al Grand Hotel di Porto Venere di cui ha beneficiato anche lo staff di Giovanni Toti. Anche per Cozzani sono stati ordinati gli arresti domiciliari.

Video